Il divieto di CBD a Hong Kong lascia le aziende a rischio di rovina

CBD a HONG KONG

Il CBD a HONG KONG

Mentre Hong Kong compie i primi passi per dare un giro di vite al cannabidiolo (CBD), le aziende specializzate in birre, caffè e altri prodotti infusi con CBD si affannano per capire cosa succederà.

Un mercato non regolamentato di prodotti contenenti il composto derivato dalla cannabis è fiorito da quando il primo caffè CBD della città, Found, ha aperto nel luglio 2020. Nell'hub finanziario asiatico ci sono decine di caffè e negozi che vendono CBD, ma una proposta del governo di vietare la sostanza entro la fine dell'anno mette a rischio queste attività.

"Con un divieto totale sul CBD a Hong Kong, saremmo costretti ad accantonare il marchio Found così come esiste oggi", ha dichiarato Fiachra Mullen, direttore marketing di Altum International Ltd, proprietaria di Found e fornitrice di prodotti CBD ad altre aziende della città.

Sebbene il cannabidiolo non abbia proprietà psicoattive, i consumatori sostengono che il composto allevia ansia, stress e dolore. Negli ultimi anni è diventata un'industria globale multimiliardaria, con prodotti che spaziano dagli snack e dalle caramelle gommose a oli e cosmetici. Il CBD è legale negli Stati Uniti e in alcune parti d'Europa, oltre che in alcuni paesi asiatici come la Thailandia e il Giappone. Tuttavia, dall'anno scorso è stato vietato nella Cina continentale.

Le autorità di Hong Kong sottolineano che il composto può scomporsi naturalmente o essere intenzionalmente convertito in tetraidrocannabinolo (THC), la sostanza che fa sballare i consumatori di marijuana e che è illegale in città.

Le alte temperature o la luce diretta del sole possono causare la degradazione del CBD in THC, secondo il Dr. Michael Fieldman, MD, assistente professore clinico presso il Dipartimento di Psichiatria dell'Università di Hong Kong.

"Se il CBD non viene conservato correttamente, può causare questo tipo di degradazione", ha detto, aggiungendo che l'ingestione di THC può causare effetti collaterali psicotropi o gastrointestinali.

Secondo Mullen, Altum testa i suoi prodotti per garantire che siano privi di THC. "Ci siamo rivolti a ben quattro laboratori per testare ogni nostro prodotto prima della spedizione", ha dichiarato.

Tammy Tam, cofondatrice del marchio di birra CBD plantB, ha dichiarato che la sua azienda utilizza solo prodotti certificati senza THC e "va oltre il livello di conformità del governo".

Molti consumatori utilizzano il CBD nella speranza di migliorare il sonno, trattare il dolore e migliorare il benessere generale. Un recente studio ha rilevato che la sostanza riduce la gravità dell'ansia cronica nei giovani. Ma Fieldman ha detto che non ci sono prove concrete dei suoi benefici e che la maggior parte dei Paesi che hanno legalizzato i farmaci a base di CBD li usano solo per condizioni mediche rare, come forme gravi di epilessia o sclerosi multipla.

Il dottor Calvin Ho, co-direttore del Centro di Etica Medica e Diritto della HKU, si aspetta che le autorità di Hong Kong vietino il CBD per ragioni pragmatiche. "In termini di problemi o preoccupazioni per la salute, è probabile che il governo sia cauto", ha detto.

Quando il divieto è stato discusso il 7 giugno, le autorità hanno dichiarato di voler "introdurre la legislazione pertinente entro il 2022". Per le aziende che si concentrano su CBDQuesto potrebbe significare l'inizio della fine.

"È la nostra unica entrata dalle vendite", ha detto Tam de plantB. Un divieto non gli lascerebbe "altra scelta che chiudere l'attività".

Dall'altra parte del mondo, le aziende svizzere che lavorano in CBD ( ERBA DI PRODUZIONE SVIZZERA ) continuano a crescere e a produrre i migliori prodotti a base di CBD sul mercato. Forse in futuro potranno consegnare i loro prodotti a Hong Kong.

Lascia un commento